chimentinuccini

|FRI, 19 May|
Clementi/Nuccini

30° SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO in collaborazione con TOdays festival presenta:

EMIDIO CLEMENTI & CORRADO NUCCINI: QUATTRO QUARTETTI (T.S. ELIOT)
Un viaggio dal cuore del cosmo, un luogo segreto dello spirito.

VENERDI 19 MAGGIO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
INGRESSO GRATUITO

Evento Facebook: Emidio Clementi & Corrado Nuccini @sPAZIO211 | #SalTo30

░░░░░

 

Ci vuole coraggio a decidere di prendere un classico letterario del ’900 – i “Quattro Quartetti” del poeta e critico letterario statunitense T.S. Eliot – e reinterpretarlo in maniera completamente inedita.
Coraggio che evidentemente non manca ad Emidio Clementi e Corrado Nuccini che proprio dalla rielaborazione dei “Quattro Quartetti” decidono di ripartire dopo avere iniziato a collaborare per lo spettacolo/reading tratto da “La ragione delle mani” (raccolta di racconti firmati proprio da Emidio Clementi e pubblicati da Playground) e per “Notturno americano” dove la scrittura di Clementi intrecciava il suo percorso con quella di Emanuel Carnevali in quello che voleva essere a tutti gli effetti un tributo all’autore e un omaggio alla letteratura americana, diventato poi anche un disco uscito per Santeria/Audioglobe. Un percorso nato da un’amicizia e che arriva a compimento ora con quello che è a tutti gli effetti il primo disco ufficiale firmato in coppia dal duo.

T.S. Eliot impiegò quasi otto anni – dal 1934 al 1942 – per terminare i suoi “Quattro Quartetti” (un poema unico composto da quattro sezioni differenti scritte in periodi diversi e anche abbastanza distanti l’una dall’altra). Un vero e proprio classico moderno che è riuscito a superare indenne lo spettro del tempo senza invecchiare mai davvero o vedere scemare il suo fascino. Quattro quartetti come sono quattro i luoghi che fanno da titolo alle diverse sezioni (Burnt Norton, East Coker, The Dry Salvages e Little Gidding) e che rimandano direttamente alle quattro stagioni (autunno, inverno, primavera ed estate) e ai quattro elementi (acqua, aria, terra e fuoco), per quello che può essere inteso a tutti gli effetti come un viaggio all’interno della natura umana.

Negli anni sono tantissimi gli autori che hanno provato a rielaborarlo e altrettanti sono gli attori che ne hanno fornito una loro interpretazione, ma nessuno aveva provato a fondere l’elemento ritmico già presente nelle parola di Eliot con un tessuto musicale inedito, composto per l’occasione e che prova a far convivere trame sonore vicine alla musica ambient con suggestioni etniche e improvvise impennate chitarristiche.

Un lavoro che è a sua volta un vero e proprio disco che ha senso anche come opera a sé pure per chi non possiede alcuna confidenza con il poema di Eliot, qui declamato alla perfezione da Emidio Clementi su una traduzione Garzanti del 1994.

Emidio Clementi e Corrado Nuccini sono due figure cardine della musica italiana.
Il primo ha attraversato da protagonista tre decenni con il suo lavoro con i Massimo Volume, El Muniria e Sorge. Ha scritto tre romanzi (La notte del pratello, L’ultimo dio e Matilde e i suoi tre padri) pubblicati da Fazi Editore e Rizzoli. Insegna scrittura creativa all’Accademia delle Belle Arti di Bologna.
Corrado Nuccini è uno dei fondatori dei Giardini di Mirò vera e propria colonna della musica indipendente italiana, molto apprezzata anche al di fuori dei confini nazionali e i suoi progetti collaterali – Nuccini e Vessel – hanno avuto ottimi riscontri di pubblico e critica.
Ha curato gli spettacoli Toxic Love e Stranger Music dedicati alla musica di Lou Reed e Leonard Cohen. “Stranger Music” è diventata anche una compilation tributo pubblicata da 42 Records e Punk not Diet! con nomi come His Clancyness, Le Luci della centrale elettrica, Albanpower e lo stesso Emidio Clementi (tra gli altri).

**

In collaborazione con TOdays festival (bit.ly/TOdays17) e DNA concerti.

Bassi Maestro

|SAT, 13 May|
Bassi Maestro

One Love Movement & MAS Network presentano:

BASSI MAESTRO + DJ ZETA

SABATO 13 MAGGIO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket €10 + d.p.

prevendite ATTIVE > http://bit.ly/BASSI_Prevendite_Torino

evento Facebook » BASSI Maestro+Dj Zeta – Torino

░░░░░

** MIA MAESTÀ TOUR **

“Mia Maestà” è il suo nuovo album che si aggiunge ad una discografia infinita e ricca di grandi classici, un disco in cui BASSI ha prodotto quasi tutte le strumentali mantenendo il sampling come base fondamentale di ogni sua produzione, con un tocco classico anche sui beats più attuali. BASSI si è concentrato poi molto sulla scrittura, riuscendo a far convivere contenuti importanti e spunti di riflessione personale a momenti più spensierati di puro intrattenimento lirico, in puro stile Hip Hop.
<<Gli ultimi anni mi sono serviti per prendermi una pausa e concentrarmi su altri progetti come il lancio della mia etichetta indipendente Com Era, per la quale “Mia Maestà” è la prima release ad uscire anche in formato digitale e non esclusivamente su vinile, e il web format “Down with Bassi”. Nel frattempo ho cercato di capire come muovermi, cercando stimoli sia dalla musica che mi ha sempre ispirato, come i classici Hip Hop degli anni ’90, che dalle nuove generazioni di artisti che hanno saputo rivoluzionare il suono dell’Hip Hop, mantenendo in molti casi anche un legame qualitativamente alto con la storia e i contenuti di questo genere musicale>>

“Mia Maestà” è un album ricco di collaborazioni importanti, in cui BASSI MAESTRO ha voluto chiamare a sè diversi artisti che stima ed ascolta, e che per sua stessa ammissione sono stati spesso fonte di ispirazione: rapper mainstream come Fabri Fibra e Gemitaiz, nomi affermati come Nitro, i soci di sempre CdB, giovani promesse come Vegas Jones in una traccia prodotta a quattro mani col producer Boston George e gli emergenti più interessanti della realtà Hip Hop milanese Lanz Khan, Axos, Pepito Rella e Lazza, nella posse track “Benvenuti a Milano”. Tra le collaborazioni infine anche Cesare Pizzetti e Fabio Visocchi, basso e piano del gruppo Loop Therapy, che spesso
accompagnano BASSI anche nelle esibizioni live.

___

Prevendite aperte - Le trovate da BOX OFFICE in piazza CLN a Torino, Online oppure al Jamaikamusicbar
10 euro + diritti di prevendita (totale 11,5)
http://bit.ly/BASSI_Prevendite_Torino

americanuthors

|FRI, 12 May|
American Authors

TOdays festival è lieto di presentare:

AMERICAN AUTHORS

- DATA UNICA ITALIANA -

VENERDI 12 MAGGIO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket € 15 + DP
Prevendite: http://toptix1.mioticket.it/Spazio211

Eventì: American Authors in concerto a sPAZIO211 / Torino

░░░░░

GLI AMERICAN AUTHORS ARRIVANO IN ITALIA A MAGGIO PER UN’UNICA DATA

Reduci dal successo del singolo “Best Day Of My Life”,
con oltre 138 Milioni di visualizzazioni su Vevo/YouTube,
e dell’album d’esordio “Oh What a Life”, pubblicato nel 2014 via Isla Records,
gli AMERICAN AUTHORS hanno fatto ritorno sulla scena musicale con “What We Live For”. Anticipato dai singoli “Go Big Or Go Home”, “Pride”, “What We Live For” E “I’m Born To Run”, l’album è stato prodotto da Aaron Accetta, Shep Goodman e Captain Cuts
e contiene 12 brani scritti e registrati tra il 2014 e il 2016.

Dall’uscita di “Oh, What a Life” nel 2014, gli American Authors, band pop-rock newyorkese, hanno raggiunto il successo che altre band hanno solo sognato: il disco d’esordio ai vertici delle classifiche musicali e IL singolo, “Best Day of My Life”, inserito nei trailer di film e spettacoli televisivi, premiato disco di platino. Hanno collezionato innumerevoli esibizioni in prestigiose premiazioni, nelle location più suggestive e leggendarie, e hanno apertO le date americane del Native Summer Tour dei One Republic.

Nonostante i riconoscimenti, il cantante Zac Barnett dice che il giorno più bello della loro vita deve ancora arrivare. “Vogliamo solo andare avanti, non vediamo l’ora di continuare questa avventura”. “Avventura” però è un termine troppo eufemistico se riferito alla loro storia. Dopo l’incontro sui banchi del prestigioso Berklee College of Music di New York, Barnett e compagni – il chitarrista James Adam Shelley, il bassista Dave Rublin e il batterista Matt Sanchez – hanno saputo creare e sviluppare un sound unico. Proprio questo pop rock energico ha attirato l’attenzione dell’iconica etichetta Island Records, con cui la band ha firmato il suo primo contratto discografico.

I loro brani sono divertenti e veri, “Le nostre canzoni parlano di vita quotidiana”, dice Barnett. Non hanno paura di assumersi i propri rischi: le nuove canzoni riprendono gli elementi del loro amato sound e lo portano ad un livello superiore: “it’s American Authors 2.0.” Questa transizione è ben esemplificata da “What We Live For”, una canzone che parla dell’andare avanti, di sognare in grande. Ed è perfetta come title track del nuovo album – è un brano ottimista e pieno di speranza. “What We Live For racconta le avventure che stiamo vivendo e dove vogliamo andare”. “Right Here Right Now” fa eco a questo sentimento: cori e testi orecchiabili che raccontano l’emozione spensierata dell’amore. “Possiamo avere tanti obiettivi, ma se non stai facendo le cose che ami con le persone che ami, non contano”.

È del tutto evidente che questa affermazione rappresenta la filosofia degli American Authors. Ogni canzone, tra cui il primo singolo “Pride”, è il risultato di un mix dinamico di sperimentazione e di esperienza. Il loro genuino entusiasmo ha reso gli American Authors una delle band più interessanti degli ultimi anni. Sono umili e desiderosi di continuare la loro avventura scrivendo, suonando e visitando posti nuovi. Più di tutto, però, la band è entusiasta di rafforzare il rapporto con i propri fan. “La nostra musica è il nostro cuore, la nostra anima e tutta la nostra vita”, dice Barnett. “Speriamo che le persone possano mettere le proprie storie in essa e trovare un senso di unità con la musica. Questo è quello per cui realmente viviamo”.

AMERICAN AUTHORS_READ MORE:

weareamericanauthors.com
www.facebook.com/americanauthors
twitter.com/aauthorsmusic
soundcloud.com/american-authors
instagram.com/americanauthors
www.youtube.com/user/AmericanAuthorsVEVO

www.facebook.com/Todaysfestival
░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

 

hyst

|THU, 11 May|
Hyst

Selezioni Pagella Non Solo Rock 2017

CRAZY DICE & PSICHE + GIULIA + I QUARTIERI POPOLARI + VICKY

special guest: HYST

GIOVEDI 11 MAGGIO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
INGRESSO GRATUITO

event: Hyst // Crazydice&Psiche / Giulia / I Quartieri Popolari / Vicky

░░░░░

Nono appuntamento per il concorso musicale Pagella Non Solo Rock 2017 organizzato dalla Città di Torino.

INGRESSO GRATUITO

Si esibiranno le band:
CrazyDice&Psiche
Giulia
I Quartieri Popolari
Vicky

SPECIAL GUEST:
Taiyo Yamanouchi aka HYST

Taiyo Yamanouchi nasce a Roma il 4 luglio 1975 alle 9 di sera. Alcune ore dopo ci ripensa, ma ormai è in ballo e decide di ballare.
Da allora passa da un attività all’ altra, come nello spettacolo di un saltimbanco. Promosso alle medie solo in virtù dei suoi bei disegni e del suo inglese impressionantemente fluente, imparato cantando canzoni di Pat Boone trovate tra i nastri di suo padre.
Passa a frequentare un liceo artistico dove si fa notare per la sua austerità. Non fuma, non si droga non beve… appare molto fuori luogo, ma disegna bene ed è tra i principali promotori di autogestioni e occupazioni, nonché bersaglio favorito delle combriccole di giovani politicamente avversi. Racchiude in sé
in effetti diverse qualità da bersaglio, l’opposizione politica, l’alterità etnica e la scarsa possanza fisica. Della serie “hey tu attacca brighe, vieni qui, mena me!”.
Sviluppa così una notvole capacità di autodifesa basata sull’apprendimento del dialetto romanesco, misto alle movenze di Bruce Lee.
La crasi culturale intimorisce gli energumeni.
Fuori dalle scuole lavora come illustratore, animatore, scaricatore merci in un mercato, distributore automatico di riviste calcistiche autostampate, mimo, musicista, danzatore in perizoma in discoteche di impasticcati, insegnante di autodifesa culturale per studenti fuori luogo, finto napoletano, finto giapponese, mai e sottolineo mai come cuoco.
Di quando in quando nel corso della sua vita parte per dei lunghi viaggi, ma tanto poi te lo ritrovi sempre tra i piedi.
Partecipa a diversi provini televisivi e cinematografici, trovandosi nel posto giusto al momento giusto, in cui era andato fondamentalmente per cambiare le cartucce delle stampanti degli uffici di produzione. Così si trova coinvolto in film come ULTIMO, Questa notte è ancora nostra, o in programmi televisi come TINTORIA, i cui produttori non si accorgono di averlo assunto per errore per 3 anni consecutivi.
Una sera all’ eta di 17 anni viene trovato seminudo nei pressi di Castel Sant’Angelo, durante la fiera dei libri, che vaga per i viali urlando “i public enemy VI hanno appena salvato la vita!!!!” dopo alcuni saggi scappellotti forniti dal signore delle salsicce finge di rinsavire, ma in realtà è appena rimasto intrappolato nell’hiphop e a oggi non pare essere in grado di liberarsene.
il suo rapporto con le donne è splendido e sarebbe ora che anche loro iniziassero a pensarla così.

https://www.facebook.com/Hyst.Official/

finalecds

|SAT, 6 May
StatiGeneraliDelRock

sPAZIO211 presenta:

STATI GENERALI DEL ROCK / AREZZO WAVE PIEMONTE

LA FINALE

w/ Nanai, John Boy Walker and the Gibas, Pop James, Luridi Topi di Fogna + La Teoria delle Nuvole (vincitori AW Valle d’Aosta)

SPECIAL GUEST:  CASA DEGLI SPECCHI

SABATO 6 MAGGIO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 20.59
INGRESSO GRATUITO

evento facebook » Stati Generali del Rock/Arezzo Wave 2017 – La Finale!

░░░░░

Dopo le 5 date di selezione che hanno visto sfidarsi 25 fra tutte le oltre 120 band iscritte quest’anno, siamo infine giunti al culmine del percorso: in gara avremo NANAIJohn Boy Walker and The GibasPop James e Luridi Topi di Fogna! Ospiti i vincitori della Valle d’Aosta La Teoria delle Nuvole #LtdN. Solo uno alla fine trionferà e rappresenterà il Piemonte sul palco dell’Arezzo Wave Festival a Milano il 23 e 24 giugno! Ogni anno anno Arezzo Wave scova le realtà più interessanti della scena musicale underground italiana, non perdere l’occasione di scoprire i talenti di domani!

Special Guest: CASA DEGLI SPECCHI

Un collettivo rap-situazionista originario dell’estremo Ponente ligure. Formatosi nel 2011, il gruppo sin dagli inizi è caratterizzato da uno stile non convenzionale, ironico e provocatorio, frutto dell’unione d’intenti degli mc Antonovvi, GyLuciani e Jeneuse e del beatmaker Erma. Il carattere situazionista del collettivo si esprime attraverso l’uso forsennato del name dropping fin quasi all’astrattismo, le continue citazioni di cultura alta e bassa, le soluzioni quasi dadaiste adottate nei ritornelli e nei titoli e l’umorismo con cui vengono trattate anche le tematiche più serie.

umberto maria giardini

|FRI, 5 May|
Umberto M. Giardini

sPAZIO211 presenta:

UMBERTO MARIA GIARDINI

SPECIAL GUEST: CAPPADONIA

VENERDI 5 MAGGIO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket € 8 + d.p.

prevendite ATTIVE: http://toptix1.mioticket.it/Spazio211/

evento facebook » Umberto Maria Giardini // sPAZIO211 // Torino

░░░░░

UMBERTO MARIA GIARDINI

“FUTURO PROXIMO”

Figlio naturale di Protestantesima, ma come giusto che sia anche di un nuovo ciclo strettamente legato ai tempi che cambiano, il nuovo album di UMG splende di luce propria e illumina. Dieci nuove traccie dove la scrittura si complica assumendo talvolta un sapore prog moderno e un rock disilluso, toccante e autorevole. Traiettorie geometriche mai banali, incastri e melodrammaticità di velluto costituiscono gli ingredienti perfetti per  questo lavoro maturo e a suo modo diverso dai precedenti. Ancora una volta gli orizzonti sonori risultano nitidi, ma in Futuro Proximo si osa ancora di più, fino a sporgersi ai confini dell’oblio dove la malinconia regna regina insieme alla consapevolezza di un mondo sempre più artificiale e moderno che perde colpi. Album decisamente elettrico e dotato di grande carisma sia nei suoni che nel linguaggio Futuro Proximo può considerarsi il capolavoro assoluto di UMG, un reticolato in cui la mente si perde per poi ritrovarsi rinnovata negli episodi più austeri e veloci del disco. Solo per chi dalla musica italiana odierna si aspetta quel valore aggiunto di stretta parentela tra qualità e credibilità artistica.

 

01- Avanguardia

02- Alba boreale

03- A volte le cose vanno in una direzione opposta a quella che pensavi

04- Il vento e il cigno

05- Ieri nel futuro proximo

06- Dimenticare il tempo

07- Caro Dio

08- Graziaplena

09- Onda

10- Mea culpa

 

(La Tempesta dischi / Belive)

 

happyness

|THU, 4 May|
Happyness

TOdays festival è lieto di presentare:

HAPPYNESS

GIOVEDI 4 MAGGIO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket € 10 + dp
Prevendite: http://toptix1.mioticket.it/Spazio211

Evento Facebook: Happyness in concerto a sPAZIO211 /Torino

░░░░░

Trio alternative rock londinese, gli Happyness tornano sulla scena musicale con un nuovo lavoro, “Write In” in uscita il prossimo 7 Aprile via Moshi Moshi/PIAS. “Falling Down” è il primo singolo estratto: https://www.youtube.com/watch?v=IpyecEkrg2s

“Slacker rock con chitarre jingle-jangle e voce costantemente lo-fi: queste le coordinate principali. I ragazzi hanno talento, quindi sarà meglio tenerli d’occhio.” – Ondarock

Quando gli Happyness hanno fatto irruzione sulla scena musicale nel 2013, il loro singolo “It’s On You” è diventato istantaneamente una hit. “Weird Little Birthday” è entrato di diritto in molte classifiche di fine anno (2014), tra i migliori album dell’anno. A questo è seguito un tour mondiale con band del calibro di The Dandy Warhols, Speedy Ortiz, David Thomas, Suede, e Mac Demarco, e la partecipazione a festival di primaria importanza come il Reading and Leeds, Bestival, Green Man, End Of The Road, Pickathon, Down The Rabbit Hole, 4 Knots, CMJ e SXSW. L’album ha ricevuto inoltre grandi consensi da NME, The Guardian (4/5), Sunday Times, Q, Uncut e Stereogum (Band To Watch), aggiudicandosi il Best Lyric agli NME Award 2015.

Intitolato “Write In”, il nuovo album, in uscita il 7 aprile via Moshi Moshi Recordings, è stato registrato dalla band nel proprio studio e poi finito e mixato da Adam Lasus a Los Angeles. “Write In” è un album ricco di inventiva e riflessivo che vanta una vasta gamma di influenze, Roxy Music, The Beach Boys, Randy Newman, Sonic Youth, Big Star e Pierre Cavalli. Ad annunciare l’uscita del disco, “Falling Down”, il primo singolo estratto, che ha ora un video ufficiale, un disorientante spettacolo retrò di 7 minuti, come spiega il chitarrista Benji Compston, “Una nostra amica gestisce un cinema, e lo può utilizzare gratuitamente ogni lunedi notte, una volta che il pubblico se ne è andato. Ci siamo presentati a mezzanotte con un vecchio televisore e alcune attrezzature musicali e un’idea vaga di come girare un effetto “Spiegel im Spiegel” con gli schermi cinematografici. Un credito speciale dovrebbe probabilmente anche andare alla macchina del caffè”.

happynessmusic.bandcamp.comwww.facebook.com/Happynessmusic | twitter.com/happynessmusic

www.facebook.com/Todaysfestival
░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

fbyc

|SAT, 29 Apr|
Fine Before You Came

TOdays festival è lieto di presentare:

FINE BEFORE YOU CAME

opening: LOW STANDARDS HIGH FIVES

SABATO 29 APRILE 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket € 10 + DP
Prevendite: http://toptix1.mioticket.it/Spazio211

Evento Facebook: Fine Before You Came + low standards high fives live a sPAZIO211

░░░░░

Fine before you came suonano insieme dal 1999.

Hanno registrato diversi dischi sia in italiano che in inglese.
Fanno pochi live, per lo più per presentare pezzi nuovi.
Tolto un tour acustico di 11 date l’ultima volta che hanno suonato dal vivo risale al dicembre 2014.
i Fine Before You Came sono e sempre saranno marco, jacopo, lippo, mauro e marco.

“ci siam presi 5 giorni per registrare 7 pezzi.
via da milano in un piccolo studio che sembra la casa della nonna e poi quando esci sei in autostrada.
eppure la intorno dovrebbe essere tutta campagna.
nei giorni prima di andare da Matt contiamo i pezzi sulle dita delle mani e non sono mai tutti.
marchetti dice che è come coi 7 nani, ne dimentichi sempre uno. hanno ancora i nomi provvisori della saletta.
alcuni senza una fine, altri col testo da mettere apposto.
di sicuro non li sappiamo suonare.
anche se son circa 2 anni che li lavoriamo.
in studio troviamo una cartolina con due uccelli delle hawaii. è datata ’92.
allora rimanevano solo 25 esemplari di questa razza.
e poi dei cioccolatini incartati in fotografie di pascoli e montagne della svizzera.
ci pare che insieme siano perfetti.
il disco il febio dice che è bellissimo, che cresce ad ogni ascolto. noi non riusciamo bene a valutarlo.
crediamo che sia semplicemente quello che sentivamo il bisogno di fare e dire in questo preciso momento.

a questo link lo potete scaricare >
http://www.mediafire.com/file/i6u4tpmto4x54dv/Fine+Before+You+Came+-+Il+Numero+Sette+%282017%29.zip

se vi piace lo potete ascoltare e vedere dal vivo a sPAZIO211.”

READ MORE:
www.facebook.com/finebeforeyoucame
www.facebook.com/lowstandardshighfives
www.facebook.com/Todaysfestival
░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

 

gazzelle

|FRI, 28 Apr|
Gazzelle

TOdays festival è lieto di presentare:

GAZZELLE

Super Battito Tour

VENERDI 28 APRILE 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket 6 €
Prevendite: http://toptix1.mioticket.it/Spazio211

Evento Facebook: Gazzelle // sPAZIO211 // Torino // 28.04.17

░░░░░

Esce il 3 Marzo per Maciste Dischi SUPERBATTITO, album d’esordio di Gazzelle.
Prodotto da Igor Pardini e Gazzelle presso Il Cubo Rosso Recording di Roma, con la supervisione artistica di Leo Pari. Masterizzato da Andrea Suriani presso l’Alpha dept. studio di Bologna.

Occhiali da sole, occhiaie da solo. Zenzero e zucchero filato.
Con la felpa sporca della sera prima.
SUPERBATTITO è un disco ammiccante e catchy. Sexy-pop.

“Ha tutte le carte in regola per diventare la Next Big Thing” Rolling Stone Italia
“Troppo facile bollarlo come il prossimo Calcutta, secondo noi c’è molto di più” Deer Waves
“Si chiama Flavio viene da Roma e con un solo singolo all’attivo è già il fenomeno musicale del momento” Spettakolo.it

READ MORE:
www.facebook.com/gazzelledaje
www.facebook.com/Todaysfestival
░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

www.macistedischi.net
www.weroeventi.it
www.sporcoimpossibile.it

 

Omega X Resistenza

|TUE, 25 Apr|
Omega X Resistenza

RadioOhm e sPAZIO211 presentano:

OMEGA X RESISTENZA

- 25 Aprile per Zampa -

MARTEDI 25 APRILE 2017 – h.11:00 / 20:00

sPAZIO211 open air - via Cigna 211, Torino

Evento Facebook: Omega X Resistenza 2017

 ░░░░░

Torna OMEGAxRESISTENZA - 25 aprile per Zampa. 

In un’unica giornata la festa di RadioOhm, il ricordo di un amico, i valori della #resistenza. La musica e i giochi per bambini. Tutti insieme, tutte le cose che amiamo e che riteniamo importanti.

On stage:
Miriam Gallea
Fabio Di Francesco
Matrona Quartet
Brodo
Luciano De Blasi
ODDU
Due Venti Contro
Fuzz
Jazz Aperitivissimo
Woodoo Dolls
INTO MY PLASTIC BONES
zYp
Stregoni
Tsol!

 

Nei prossimi giorni tutti gli aggiornamenti sul programma!

murubutu

|SAT, 22 Apr|
Murubutu

MURUBUTU & LA KATTIVERIA & DJ T-ROBB
Presentazione del nuovo album:
“L’uomo che viaggiava nel vento e altri racconti di brezze e correnti”

==========================
Ingresso: 10€
Inizio ore 22:30
Apertura cancelli dalle ore 21.30
Open : LINCE
==========================

Murubutu & La Kattiveria & Dj T-Robb
https://www.youtube.com/watch?v=EkB5tW_6NZM#t=98.694201698
=======

MURUBUTU & LA KATTIVERIA & DJ T-ROBB
>> Uno storyteller, il più abile nel panorama italiano <<

Murubutu si avvicina all’hip hop all’inizio degli anni ’90 dapprima come breaker, skater e writer, poi successivamente come MC. Nel 1991 fonda il primo gruppo hip hop di Reggio Emilia: Kattiveria Posse. In seguito ad una ridefinizione della composizione del gruppo e della sua identità culturale dal 2000 comincia lavorare con i propri soci ad un rap di diversa concezione rispetto a quello più diffuso ora nel mainstream ora nell’underground. L’intento è fare del rap un mezzo espressivo per trasmettere contenuti di ordine culturale senza perdere l’attenzione verso la cura stilistica. Il risultato è un nuovo sottogenere musicale: il rap didattico, concretizzato nel 2006 dall’uscita dell’album “Dove vola l’avvoltoio”. Sulla scorta della contaminazione fra rap, narrativa e saggistica Murubutu intraprende nel 2009 un progetto solista, interamente dedicato allo storytelling, in cui sonorità hip hop classiche fanno da tappeto a testi con una forte curvatura cantautorale e accenti poetici. Nel 2011 Murubutu vince il secondo premio al Concorso Nazionale per cantastorie “G.Daffini” con il brano “Anna e Marzio”.

Ad oggi La Kattiveria, composta da Murubutu, Il tenente, U.G.O., Yanez Muraca e Dj Caster, si presenta come un laboratorio di ricerca del rapporto fra musica rap e letteratura. Profondamente convinti della fecondità di questo connubio, il gruppo ne esplora varie declinazioni: rap e narrativa (Murubutu), rap e vernacolo (Il tenente), rap e letteratura potenziale (U.G.O.).

gazebo penguins

|FRI, 21 Apr|
Gazebo Penguins

TOdays festival è lieto di presentare:

GAZEBO PENGUINS

opening: SDEGHEDE

VENERDI 21 APRILE 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket €10.

prevendite ATTIVE: http://toptix1.mioticket.it/Spazio211/

evento facebook » Gazebo Penguins in concerto a sPAZIO211 / Torino

░░░░░

ESCE IL 3 MARZO 2017 “NEBBIA”, IL NUOVO ALBUM DEI GAZEBO PENGUINS (To Lose La Track / AudioGlobe)

Il 3 marzo 2017 uscirà in formato cd ed lp per To Lose La Track, con distribuzione Audioglobe, il nuovo lavoro in studio dei gazebo penguins, NEBBIA. Dopo Raudo, i quattro che si dividono tra Correggio e Zocca, tornano con un album maturo che sposta ulteriormente in avanti i confini del loro percorso musicale.

Nebbia potrebbe essere inteso come una riflessione lunga nove canzoni che gira attorno ad una domanda: se tutti gli altri sparissero, si potrebbe cancellare la sofferenza?

Quanto dipende il nostro star bene dalle altre persone? E quante sono le persone che davvero valgono? Possiamo fare a meno di tutto? Spiegato meglio: ha senso parlare di benessere (in senso quanto più ampio possibile) senza relazione? Quanto serve soffrire? Quanto è utile? E quanto dipende il nostro star male dagli altri? Quante volte possiamo ricominciare una storia?

Me e gli altri. Qualsiasi cosa facciamo, per chi la facciamo? Quanto, di quello che facciamo, lo facciamo esclusivamente per noi? E non per ricevere approvazione, conferme, credito?

“Ciò che conta è il processo, non il prodotto”, è una frase attribuita a Duchamp.

Fare un disco è, già di per sé, una risposta che ti dai. Ma ogni disco è una risposta, ma anche una domanda. La prima sua richiesta – intrinseca – è quella di venire ascoltato. Ma in NEBBIA ne sopraggiungono sempre altre, una domanda dopo l’altra, fino a che la risposta non diventa più necessaria, e resta solo l’interrogazione, sospesa, per far sì che ci si possa riempire di questo stand by della comunicazione, questa assenza del proprio io che cerca sempre di rispondere, di parlare, di riempire lo spazio bianco, il vuoto.
Ci sono immagini e parole che ritornano lungo tutte canzoni, come la ricerca di un mantra che riesca a regalare un po’ di pace, un attimo di tregua.

C’è questa ipotesi assurda da cui si dipanano le storie: vediamo ogni cosa perché la luce la colpisce, e il suo riflesso arriva ai nostri occhi sotto forma di radiazioni luminose. Ma se fossimo capaci di voltarci e aprire gli occhi un infinitesimo più rapidi della velocità della luce, prima che il tutto che ci sta attorno arrivi ai nostri occhi, come sarebbe il mondo? Di che colore saresti tu? Cosa vedremmo? Riusciremmo forse a far scomparire ogni cosa? E se sì, quando vorremmo farlo? Quando vorremmo che tutto sparisse? Eh?
____________

I Gazebo Penguins sono sempre stati in 3, e ora sono in 4.
Hanno fatto uscire due dischi (LEGNA 2011 e RAUDO 2013) che sono stati suonati in più di 250 concerti per tutta Italia.
Si dividono tra Correggio e Zocca, e NEBBIA è il loro ultimo lavoro.
Sono sempre stati definiti emo core o post hard core, ma con questo disco stanno spostando i confini del loro genere verso nuove province musicali.
Continuano a fare musica perché pensano sia una cosa che gli viene bene, ma soprattutto li fa stare bene. E vorrebbero farlo per tutta la vita.

READ MORE:
www.facebook.com/gazebopenguins/
www.facebook.com/Todaysfestival
░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

zanfest

|14-15-16 Apr|
Zanfest

ZANFEST

14-15-16 Aprile 2017
Rock per te. Che ci sei sempre stato.

VEN 14/04 >> Ruben Zambon + STEARICA + LINEA 77
SAB 15/04 >> Cletus + BelliCosi [SOLDOUT]
DOM 16/04 >> Black Wings of Destiny + DIRTY SET + BelliCosi

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
inizio concerti ore 20:00

Prevendite ATTIVE > http://www.ticket24ore.it/

Evento Facebook: Zanfest 14-15-16 Aprile 2017

░░░░░

Tre giorni di musica fatta e ascoltata, con lo spirito della Torino underground, quella vera. 

Tre giorni di festa per condividere esperienze che nonostante il passare degli anni tuttora continuano. Comune denominatore, un’attitudine che non si è mai persa. Tre giorni dedicati a te, che ora come allora, ci sei sempre stato.
______________________________________________________________________

Venerdì 14 Aprile
— RUBEN ZAMBON —
I have been into music since I was a child. I started to attend the Music Conservatory G. Verdi in Turin at the age of 11 and I graduated in Organ and Organ Composition in 2011, with full marks and honor. I have attended several master classes with popular international artists since then. Besides my classical studies I have a genuine passion for electronic music and jazz since high school. I have produced several music pieces for music videos, dance performances, documentaries, theatre shows, in cooperation with the best artists of the city of TURIN In 2011, I founded a music research and training centre named “Percorsi Sonori”, where I currently teach “Music Production and Electronic Music”, “Music Composition” and “Vitrual Orchestration”.
http://www.rubenzambon.com/

— STEARICA —
Gli Stearica sono il caso di band italiana la cui reputazione all’estero sovrasta quella ottenuta in patria. Il loro curriculum parla chiaro: collaborazioni internazionali quali NoMeansNo, Girls Against Boys, Acid Mothers Temple Official.
Due album all’attivo “Oltre” del 2007 e “Fertile” uscito con l’etichetta inglese Monotreme Records
Nel 2015, gli Stearica tornano a Torino, loro città natale, nell’anno in cui festeggiano il loro 20 esimo compleanno.
http://www.stearica.net/

– LINEA 77 –
Oh! è espressione di stupore.
E’ l’esclamazione davanti a una meraviglia, o un sussulto dopo un errore commesso.
E’ la sillaba con cui si prende coscienza di un cambiamento; attorno a noi, in noi, nel tutto.
Oh! è un disco intimo e disilluso; tanto concreto quanto visionario.
Parla di Lexotan a colazione e di schiavi consapevoli; di burqa firmati e di coerenze in
vendita; dei soldati di Ungaretti e delle regole di Chomsky.
“In questo disco abbiamo cercato di fare quello che sappiamo fare, lasciando da parte la
sperimentazione fine a se stessa. Volevamo un disco da poter suonare per intero dal vivo,
in modo da poter dare nuova linfa ai live che seguiranno. Canzoni energiche e
condivisibili, che badassero poco alla forma e tanto al contenuto.”
http://www.linea77.com/
______________________________________________________________________

Sabato 15 Aprile #SOLDOUT
– CLETUS –
La musica di Cletus ruota attorno alle pericolanti armonie del chitarrista Stefano Danusso accompagnato da un incedere ritmico che guarda all’elettronica europea e alla musica afroamericana. La formazione, decisamente eterogenea, non tollera etichette e la medesima composizione risulta di volta in volta cangiante, l’intenzione si fa musica, la musica muta l’intenzione verso un’interpretazione sempre nuova di un materiale sonoro a cavallo tra minimalismo e sperimentazione.
https://www.facebook.com/CletusBand/

– BELLICOSI –
Allo Zanfest 2017 tornano per una sera i BelliCosi, una delle band più importanti, originali e innovative della scena hardcore/punk torinese e italiana degli anni Novanta. Per chi allora c’era e ha vissuto sotto il palco una combinazione originale e coinvolgente di ironia e malessere, energia e melodia, e per chi allora non c’era e ha potuto ascoltarla solo sui dischi o in giro per la rete, sarà un’occasione da non perdere.
http://www.bellicosi.org/

– Djset –

______________________________________________________________________

Domenica 16 Aprile
– BLACK WINGS OF DESTINY –
La furia dei Black Wings of Destiny fa la sua comparsa alla fine del 2009 raccogliendo la rabbia di esperienze precedenti in Sickhead e Concrete Block. Suonano metal, suonano stoner, suonano sludge, southern e rock and roll, suonano tutto quello che non sia pulito. Gli piace cantare le meschinità del mondo ed esplorare gli abissi dell’anima e le contraddizioni dell’essere umano. Non suonano per vivere ma vivono per suonare.
http://www.facebook.com/BlackWingsOfDestiny

– DIRTY SET –
Un trio strumentale che si esprime cercando sonorità dissacranti, in movimento tra lo sberleffo e la drammaticità del
declino occidentale. I Dirty Set si vestono di note allergiche agli standard armonici e melodici abituali, scardinando i
canoni della fruibilità, cercando il guizzo del funk, lo spigolo del jazz, il freddo del mare del Nord, l’estro della cultura
underground.
http://www.dirtyset.com/

– BELLICOSI –
Vista la grande richiesta, raddoppia lo show dei BelliCosi.
http://www.bellicosi.org/

– Djset –

notwist

|SUN, 9 Apr|
The Notwist (HMA)

TODAYS festival è lieto di presentare:

THE NOTWIST

DOMENICA 9 APRILE 2017

Hiroshima Mon AMour
Via Bossoli 81, Torino
apertura porte ore 21:00
ticket 15 € + dp
prevendite attive> www.ticket24ore.it
Boxoffice Piemonteticket

evento facebook » The Notwist in concerto a Hiroshima Mon Amour / Torino

░░░░░

LA BAND TEDESCA AUTRICE DI UN UNIVERSO SONORO SFACCETTATO E SPERIMENTALE, MISCELA SAPIENTE DI ELETTRONICA, POST ROCK, E INDIE.

Da sempre band pioneristica nel creare un universo sonoro unico e inconfondibile frutto di innumerevoli elementi ed influenze, i Notwist arrivano in Italia in occasione della pubblicazione dell’album live Superheroes, Ghostvillains & Stuff, uscito ad ottobre per Sub Pop Records.

A coronamento di una carriera iniziata nel lontano 1990, la band tedesca pubblica il primo album live: “Superheroes, Ghostvillains & Stuff”. Un doppio CD che esce per la loro etichetta Alien Tansistor in Europa e per la Sub Pop negli Usa e registrato durante il secondo dei tre concerti sold out che la band dei fratelli Markus e Micha Acher ha tenuto nel dicembre 2015 a Lipsia. Il disco raccoglie sette brani da “Neon Golden”, cinque da “Close to the Glass”, tre da “The Devil, You + Me” e uno da “Nook”.

Da sempre impegnati nello sforzo di creare un universo sonoro unico e inconfondibile frutto di innumerevoli elementi ed influenze, I The Notwist ribadiscono in questo live di essere un progetto in continua evoluzione, alla instancabile ricerca di dialogo tra il passato rock e le tendenze contemporanee più esplorative e sperimentali. E tuttavia sono le gradazioni che stanno in mezzo a questi due estremi che rendono la band così unica.

I fratelli Markus e Michael Acher, insieme a Mecki Messerschmidt, fondano il gruppo nel 1989 a Weilheim, una cittadina vicino a Monaco, in Baviera.

Nel 1990 registrano il loro debutto indipendente, intitolato THE NOTWIST. Il disco si caratterizza di un approccio molto forte al metal, con qualche divagazione grunge e indie rock. Il 1992 vede la pubblicazione di NOOK, che segue la via percorsa dal precedente lavoro. A dominare il disco sono ritmi punk metal.

Una prima svolta arriva con la pubblicazione di 12, avvenuta nel 1995. Questo disco segna il passaggio al post rock. Si possono infatti percepire qui le prime divagazioni del gruppo nei territori dell’elettronica. Nel 1997 Martin Gretschmann si unisce al gruppo e presto arriva la svolta, con la pubblicazione nel 1998 di SHRINK. Si tratta di un album di rock sperimentale che fonde jazz ed elettronica. Brani come Day 7 o Chemicals possono essere considerati l’archetipo dell’indietronica. Nel 2002 arriva NEON GOLDEN, enorme successo di pubblico e critica, tutt’oggi considerato il loro capolavoro e un album fondamentale nello sviluppo della musica degli ultimi decenni.

Dopo 6 anni esce il bellissimo THE DEVIL, YOU + ME che li consacra come una delle band più importanti degli ultimi decenni. Infine nel 2014 l’ultimo album in studio CLOSE TO THE GLASS, un attraente e imprevedibile matrimonio tra melodie emozionanti e la pulsazione precisa delle macchine e dell’elettronica. Romantico e robotico allo stesso tempo, questo album è un collage che unisce pop songs, scienza, ricerca e capacità di raccontare storie.

I The Notwist sono autori di una musica estremamente personale, una specie di alchimia non sollecitata in alcun modo dalle convenzioni né da particolari scadenze, ma solo frutto dell’ispirazione e del talento.

READ MORE:
https://www.facebook.com/thenotwist
https://www.facebook.com/Todaysfestival

░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

bb

|SAT, 8 Apr|
Big Business

TODAYS festival, sPAZIO211 e Hardstaff Booking Agency presentano:

BIG BUSINESS + WHORES

SABATO 8 APRILE 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket €15 + d.p.

prevendite ATTIVE: http://toptix1.mioticket.it/Spazio211/shows/big%20business/events

evento facebook » Big Business + Whores in concerto a sPAZIO211 // Torino

░░░░░

◆ BIG BUSINESS ◆
Big Business vengono da Los Angeles e sono un duo: Jared Warren (Karp) e Coady Willis (The Murder City Devils) successivamente ed attualmente colleghi di King Buzzo e Dale Crover nei (the) Melvins, arricchiscono lo stoner e lo sludge più tradizionale, immegendoli in un mare di dure sonorità eccentriche e quasi ansiogene. Con all’attivo 5 full e svariati EP, ci propongono il loro ultimo LP “Command Your Weather” uscito lo scorso 8 luglio.

Insieme a loro
◆ WHORES ◆
i pazzi Whores. da Atlanta, altri grandissimi del noise rock più sciacciasassi in circolazione!

READ MORE:
https://www.facebook.com/bigbigbiz
https://www.facebook.com/whrsband
https://www.facebook.com/Todaysfestival

░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

pnsr2017

|FRI, 7 Apr|
Uochi Toki

Selezioni Pagella Non Solo Rock 2017

CECILIA MARCHIORO + GOOD MUFFIN

special guest: UOCHI TOKI

VENERDI 7 APRILE 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
INGRESSO GRATUITO

event: Pnsr2017 – Uochi Toki // Cecilia Marchioro + Good Muffin

░░░░░

Quinto appuntamento per il concorso musicale Pagella Non Solo Rock 2017 organizzato dalla Città di Torino.

INGRESSO GRATUITO

Si esibiranno:
Cecilia Marchioro
GooD Muffin

SPECIAL GUEST:
Uochi Toki

Gli Uochi Toki, Rico e Napo, sono un duo che suona le Galassie e le profondità della Terra tramite i campionatori e racconta del Tutto, del Niente e del Qualcosa tramite un rap frastagliato. Cambiano spesso abitazione e hanno origini geografiche miste quindi, una volta inquadrati in un’area geografica, si spostano rendendo ulteriormente complicata la risposta alla domanda “di dove sono”? Si formano durante i primi adolescenziali raduni Fremen sulle sabbie dei deserti delle città dormitorio senza tradizione nel Nord Ovest della Penisola. Hanno maturato la loro sincronia e il loro accordo preferendo alle prove classiche in saletta il domare i Grandi Vermi di metallo con spruzzi di vernice colorata, per poi abbandonare anche questa pratica a favore dell’osservazione diretta del vuoto e del pieno. Hanno fatto i primi dischi a digiuno di nozioni su cosa fossero le etichette e le auto-produzioni, semplicemente lavorando in campagna per guadagnare i soldi necessari alle stampe (in “Scusate secondo voi il dentifricio costituisce ancora uno status symbol?”), per poi incontrare in sequenza i bucanieri della Burp Publications (in “Vocapatch”, “Uochi Toki” e “Laze Biose”), i maniscalchi della Wallace Records (in “La chiave del 20”) e gli architetti della Tempesta Dischi (in “Libro Audio”, “Cuore Amore Errore Disintegrazione” e “Idioti”) per mettere infine in pratica le nozioni apprese e collaborare talvolta con gli alchimisti Corpoc (in “Distopi” e “Cystema Solari”), talvolta semplicemente da soli senza etichetta e senza ufficio stampa (in “Macchina da Guerra”). Nel 2015 escono di nuovo con la Tempesta Dischi mandando alle stampe “Il Limite Valicabile”, una sorta di grande cartina geografica ipertestuale su doppio cd che regala una visione d’insieme prima di passare ad una osservazione ulteriore. Gli Uochi Toki hanno messo a punto un impianto live aperto e modulare che propone un terzo di suoni, un terzo di parole e un terzo di disegno, per necessità di completezza e di elementi improvvisati che creino differenze tra una performance e l’altra. Nonostante la forma a cui sono arrivati sembri completa, potrebbero cambiare ulteriormente a seconda di cosa le successive Navigazioni suggeriranno loro. Oltre a diversi progetti che li vedono operare da soli (Rico come tecnico del suono live e in studio e Napo come disegnatore sotto lo pseudonimo di Lapis Niger) collaborano entrambi attivamente con Megabaita, un team per la creazione di immaginari animati tramite la modellazione 3d, producendo teaser (per “Cystema Solari”), videoclip destrutturati (Ovo “I Cannibali” e Uochi Toki “Voglio sentire le urla del re”) e ulteriori idee che stanno germogliando sotto il terreno.

https://www.facebook.com/Uochi-Toki-45187327654/

bologna violenta

|THU, 6 Apr|
Bologna Violenta

Selezioni Pagella Non Solo Rock 2017

FRAN E I PENSIERI MOLESTI + LUCA BUGARIN

special guest: BOLOGNA VIOLENTA

GIOVEDI 6 APRILE 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
INGRESSO GRATUITO

event: Bologna Violenta // Fran e i Pensieri Molesti + Luca Bugarin

░░░░░

Quinto appuntamento per il concorso musicale Pagella Non Solo Rock 2017 organizzato dalla Città di Torino.

INGRESSO GRATUITO

Si esibiranno le band:
Fran e i Pensieri Molesti
Luca Bugarin

SPECIAL GUEST:
BOLOGNA VIOLENTA

BOLOGNA VIOLENTA è un progetto nato nel 2005 da un’idea di Nicola Manzan, musicista trevigiano che da allora ha pubblicato sotto questo pseudonimo cinque album, vari ep, split e remix.
I suoi lavori sono caratterizzati da sonorità estreme, in cui le batterie elettroniche vengono arrangiate con chitarre grindcore e orchestre classiche.
Le tematiche affrontate sono per lo più riferite ai drammi della vita, al forte contrasto tra l’essere umano e il mondo che lo circonda, ma soprattutto al difficile rapporto tra gli esseri umani stessi.
Dopo un primo omonimo album uscito in CDr nel 2005 (in larga parte influenzato dall’immaginario dei film poliziotteschi, successivamente ristampato in vinile), nel 2010 esce Il Nuovissimo Mondo, disco fortemente ispirato ai cosiddetti mondo-movies che ha portato Nicola ad esibirsi come one-man-band sui palchi di tutta Italia e, negli anni successivi, anche in Europa.
Nel 2012 esce il terzo album, Utopie e piccole soddisfazioni, un disco più apolitico ed introspettivo del precedente, mentre è del 2014 il controverso Uno Bianca, in cui vengono raccontati dei fatti di cronaca senza usare il classico sarcasmo che da sempre ha contraddistinto il linguaggio di BV, un disco spietato e violento che non lascia spazio alla fantasia.
Nel 2015 il progetto è diventato un duo con l’ingresso in formazione di Alessandro Vagnoni come batterista dal vivo e polistrumentista in studio.
BV è stato materia d’esame nel corso di “Arte digitale” all’Accademia di Belle Arti di Venezia e presso la stessa sede è stato anche presentato il progetto The Sound of…, in cui i pezzi di quaranta discografie diverse vengono fatti suonare simultaneamente.
Nicola Manzan è un violinista, polistrumentista e produttore trevigiano.
Ha lavorato in studio e dal vivo con artisti italiani ed internazionali, tra cui Jesu, Menace, Igorrr, Baustelle e Fast Animals and Slow Kids.
Alessandro Vagnoni è un batterista, polistrumentista e produttore fermano. Ha collaborato con band death metal quali Dark Lunacy, Resurrecturis, Infernal Poetry. È titolare del progetto Tapewhore e di molti altri piccoli deliri musicali sotto vari pseudonimi.
lacantina-psychokiller

#THU, 6 Apr#
PsychoKiller

La Cantina sPAZIALE intervista gli

PSYCHOKILLER

GIOVEDI 6 APRILE 2017
ore 20.00 intervista e live acustico
streaming audio www.radioohm.it

ingresso free

Evento Facebook: La Cantina sPAZIALE # Psychokiller

░░░░░

● ● ● La Cantina sPAZIALE● ● ●

La Cantina – RadioOhm e sPAZIO211 danno vita ad un nuovo format live radiofonico. Ogni due giovedì una band emergente si esibirà sul palco dello storico locale di via Cigna 211 con un set acustico intervallato dall’intervista condotta da Marcelito Cantinero e Simone Barisione. In regia Fabiano Giacone.

● ● ● PsychoKiller● ● ●

2013, hinterland torinese. Tre ex componenti degli Hollywood Noise dopo lo scioglimento del gruppo sono in cerca di riscatto. Con tanta rabbia sulle spalle adottano il nome PsychoKiller e incidono “Dead City Life”, dieci tracce rock contaminate da influenze punk frutto di un anno di composizione tra i palchi e la sala di registrazione. Le occasioni per sfogarsi arrivano: suonano al GlamAttakk XV in apertura ai Fuck Knights (USA), aprono per Adam Bomb e anche i Living Dead Lights (USA) li vogliono per introdurre il loro show. La rabbia si placa. A sangue freddo il sound si apre a nuove possibilità fino ad allargare cerchio agli echi californiani di una chitarra in più. Nel 2016 la band si ritira nel suo studio di registrazione DIY per incidere un secondo LP. Le riprese audio delle 10 tracce di “Higher” sono curate interamente dalla band e il mix affidato a Dario Colombo presso lo studio 211db di Torino. L’uscita dell’album è prevista per venerdi 17 marzo 2017 per l’etichetta EdisonBox se PsychoKiller non ci ammazza prima…

Guarda il video di “I dream it all tonight”:
https://www.youtube.com/watch?v=cR3Rm0wtGL0

● ● ● info ● ● ●

✉ lacantina@radioohm.it
☏ (+39) 340.665.46.44

sodastream_home

|SAT, 1 Apr|
Sodastream

TOdays festival è lieto di presentare:

SODASTREAM

SABATO 1 APRILE 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket € 8 + dp
Prevendite: http://toptix1.mioticket.it/Spazio211

Evento Facebook: Sodastream in concerto a sPAZIO211 / Torino

 

░░░░░

L’anno prossimo saranno 20 anni dalla nascita dei Sodastream. 
20 anni durante i quali Karl Smith e Pete Cohen hanno pubblicato 4 album, quattro EP e un disco live, lasciando un segno indelebile nella musica indipendente australiana.
Tornano oggi con Little by Little, il loro primo lavoro da un decennio a questa parte.

Fin dai suoi esordi, il duo si è guadagnato l’attenzione di nomi importanti come il leggendario John Peel e Moby (che indicò “Practical Footwear” del ’98 come singolo della settimana su Melody Maker), ha condiviso i palchi di tutto il mondo con band come Pavement, Yo La Tengo, Smog, Low, Belle & Sebastian e The Mountain Goats e ha pubblicato dischi con etichette influenti come Rough Trade, Darla, Trifekta, Homesleep, Candle, Drive-In e Acuarela Discos. Il tutto riuscendo a preservare la propria formula chitarra+contrabbasso lontana dalle moda e dai trend del momento.

In casa propria i Sodastream sono stati anche più riveriti e hanno potuto da sempre contare su una fanbase incredibilmente fedele che ha seguito tutti e quattro gli album: Looks Like a Russian (2000), The Hill for Company (2001), A Minor Revival (2003) e Reservation (2006). Di stanza a Melbourne fin da subito dopo la nascita del gruppo, Karl e Pete sono in breve riusciti a stabilire dei legami molto forti con altri musicisti locali, che hanno portato alle collaborazioni nei side project Small Sips e Lee Memorial.

Seguendo le orme di band affini come The Go-Betweens and The Triffids, i Sodastream sono usciti dai confini australiani per portare la propria musica nel mondo. E durante il periodo successivo, in cui la band ha sospeso la propria attività, ha comunque sostenuto la florida scena guitar-pop australiana che ora include Twerps, Dick Diver e The Ocean Party – band che hanno compreso che non è necessario fare rock per essere d’impatto.

Dopo uno stop di sei anni, durante i quali Karl ha pubblicato un acclamato album solista ed entrambi i membri della band si sono dedicati alle loro famiglie in crescita, i Sodastream tornano ad esibirsi live con la promessa di produrre nuovo materiale. Hanno brillantemente mantenuto la promessa con Little By Little, disco in cui la cifra stilistica del duo si raffina pur suonando fresca e intima come mai prima.
Per il disco Karl e Pete si sono nuovamente avvalsi del produttore e batterista Marty Brown (Clare Bowditch, Art of Fighting) e hanno collaborato con J Walker (Machine Translator), Tom Lyngcoln (Harmony, The Nation Blue) e Kelly Lane (Skipping Girl Vinegar), attingendo quindi a piene mani dal ricco panorama di musicisti indipendenti australiani.

Registrato poco a poco nel corso di tre anni e composto anche da brani che risalgono alle sessioni di Reservation del 2006, Little By Little ristabilisce fin da subito l’immediatezza avvolgente dei Sodastream, sia dal punto di vista della musica che da quello dei testi.
Mai inclini a fare le cose di fretta, i Sodastream hanno lavorato lentamente a quello che potrebbe essere il loro miglior album, un album che rende onore a tutte le sfumature della discografia di Karl e Pete anche quando si allunga e avvicina a nuovi territori.

READ MORE:
www.facebook.com/sodastream.band
www.facebook.com/Todaysfestival
░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

woods

|FRI, 31 Mar|
Woods

DNA concerti è felice di presentare:

WOODS

VENERDI 31 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket €10 + d.p.

Prevendite ATTIVE » http://toptix1.mioticket.it/spazio211

Event: WOODS in concerto a sPAZIO211 / Torino

░░░░░

LA BAND PSYCH-FOLK DI BROOKLYN FORMATA DA JEREMY EARL (VOCALS, GUITAR), JARVIS TAVENIERE (VARIOUS INSTRUMENTS, PRODUCTION), AARON NEVEU (DRUMS), CHUCK VAN DYCK (BASS) E KYLE FORESTER (KEYBOARDS, SAX) ARRIVA IN ITALIA PER PRESENTARE L’ULTIMO BELLISSIMO ALBUM CITY SUN EATER IN THE RIVER OF LIGHT, NONO LAVORO DELLA LORO CARRIERA.

I Woods sono sempre stati esperti nel distillare piccole epifanie di vita in blocchi compatti di folk psichedelico fuori da ogni tempo e luogo. Forse quelle epifanie sono state sepolte sotto la manipolazione di cassette o freakouts drum-and-drone, o forse avvolte nel falsetto cadenzato di Jeremy Earl, ma nel corso di 8 bellissimi album, i Woods hanno raffinato il loro suono giungendo sino all’ultimo City Sun Eater in the River of Light, il loro nono LP e il secondo registrato nel loro studio e pubblicato per la prestigiosa label di Jeremy Earl “Woodsist” che ha dato alle stampe anche Real Estate, Wavves, Kurt Vile e Thee Oh Sees.

Questo nono album dell’instancabile band newyorkese è un disco denso di chitarre e fiati lussureggianti, un lavoro mistico e seducente, animato da una vivace ansia per lo stato del mondo. Sono ancora gli Woods che abbiamo imparato ad amare in questi 10 anni, sono riconoscibilissimi è vero, eppure diversi dai lavori precedenti perché stavolta li vediamo dilettarsi con le più svariate influenze, dal jazz etiope alla psichedelia anni ’70 sino al Krautrock e a folk tribale.

City Sun Eater in the River of Light è un lavoro compatto, potente e urgente, ad oggi il migliore e più maturo della band. Il lavoro precedente “With Light and With Love” è stato pubblicato nel 2014.

READ MORE:

http://www.woodsist.com

https://www.facebook.com/woodsfamilyband/?fref=ts

Informazioni al pubblico:

http://www.facebook.com/dnaconcertieproduzioni

www.dnaconcerti.com

https://twitter.com/dnaconcerti

info@dnaconcerti.com

clockopera_cut

|THU, 30 Mar|
Clock Opera

nEw liFe promo presenta:

CLOCK OPERA

GIOVEDI 30 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
Apertura porte ore 21:29
Ticket €8 + d.p.

Biglietti disponibili su http://toptix1.mioticket.it/spazio211/calendar/2017-03-30

Evento Facebook: CLOCK OPERA – il 30 marzo allo Spazio 211 di Torino!

░░░░░

ARRIVA IN ITALIA UNA DELLE BAND PIU’ INTERESSANTI DEL PANORAMA BRITANNICO, I CLOCK OPERA CHE PRESENTANO IL LORO SECONDO ALBUM DISTRIBUITO AUDIOGLOBE.

Il quartetto londinese dei Clock Opera, formato da Guy Connelly (voce, chitarra, sampler), Andy West (basso, chitarra), Che Albrighton (batteria) e Nic Nell (tastiere, voce) pubblicherà il prossimo 10 febbraio 2017 il suo secondo album, dal titolo ‘Venn’ per League of Imaginary Nations e !K7, distribuito in Italia da Audioglobe. Il nuovo lavoro si contraddistingue dai toni più cupi rispetto all’esordio del 2012, ‘Ways To Forget’, che gli fece attirare l’attenzione del grande pubblico inglese, e li portò a solcare i palchi dei principali festival inglesi e non solo. Rappresenta i travagli della vita, non solo lavorativa, ma anche personale dei membri del gruppo, in un lungo racconto di cupezza che mantiene lo stile dell’album d’esordio, fatto voci in falsetto, una grande sezione ritmica e una produzione immacolata, come nella tradizione del miglior pop inglese. E’ proprio in queste radici pop che si muove la band, un sound che renderebbe orgogliose persone come Peter Gabriel, Steve Reich, e che riporta alla memoria i The Move, ma come se fossero venuti dopo gli 808 State e gli Yo La Tengo. Un album e un live dai suoni maturi, e che si discosta radicalmente dalla gran parte della produzione troppo attenta alle classifiche e alla moda passeggera del momento: un’esperienza che classifica i Clock Opera come un unicum nel complesso scenario del panorama musicale.

SEGUILI SU
www.clockopera.com

ASCOLTALI
Belongings https://www.youtube.com/watch?v=EnDqI_F6pnQ
Lesson No. 7 https://www.youtube.com/watch?v=WNlQwDr-eMA
Move To The Mountains https://www.youtube.com/watch?v=gU8LugIvXtI
The Lost Buoys https://www.youtube.com/watch?v=oQSL3pbnZoE
Whippoorwill https://www.youtube.com/watch?v=pUmwG_Lnar8
In Memory https://www.youtube.com/watch?v=UxRaD-8AHwg

Info: www.eflive.it

hiphopparty

|SAT, 25 Mar|
HIP HOP Party

sPAZIO211 presenta:

Candy Shop – HIP HOP Party

SABATO 25 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:59
ticket € 5 all night long

evento facebook: HIP HOP Party Torino@Spazio 211 (Via Cigna 211) – Sab 25 Marzo

░░░░░

HIP HOP Party Torino – Candy Shop – Sabato 25 Marzo 

LECCA LECCA OMAGGIO PER TUTTE LE RAGAZZE!

INGRESSO SOLO 5€ IN CASSA ALL NIGHT LONG

Finalmente a Torino il format che sta rivoluzionando l’r’n'b! La musica più calda in un’esplosione di colori e Chupa Chups! Sfoggia il tuo look, bling-bling o streetwear? Gangsta o Pupa? Premi alcolici per i più cool!

Balla come se nessuno ti stesse guardando!

★HIP HOP MASTERPIECE★ALL TIME GREATEST★OLD SCHOOL★SOUL/R&B★WEST COAST★EAST COAST★

TUPAC SHAKUR | EMINEM | NOTORIOUS BIG | BIG L | NAS | MOBB DEEP | BIG PUN | WU TANG CLAN | CYPRESS HILL | ICE CUBE | 50 CENT | DMX | SNOOP DOGG | DAS EFX | GANG STARR | DR DRE | WARREN G | XZIBIT | EPMD | J DILLA | DJ PREMIER | KRS ONE | LIL’ KIM | LOST BOYZ | G-UNIT | ONYX | JADAKISS | THE GAME | BUSTA RHYMES | NAUGHTY BY NATURE | PETE ROCK | OUTKAST | ARTIFACTS | MOS DEF | N.W.A | PUFF DADDY | THE LUNIZ | COMPTON’S MOST WANTED | RAKIM | PUBLIC ENEMY | THE LOX | MISSY ELLIOT | JOE BUDDEN | OBIE TRICE | EVE | PUSHA T | THE FUGEES | NON PHIXION | LL COOL J | DA YOUNGSTA’S | RUN DMC | ICE T | KANYE WEST | INOKI | GRANDMASTER FLASH | ULTRAMAGNETIC MC’S | FAT JOE | RIHANNA | BEYONCE’ | LUDACRIS | REDMAN | BDK | ERIC B | TECH N9NE | A TRIBE CALLED QUEST | THE D.O.C | DEAD PREZ | MF DOOM | DE LA SOUL | DJ JAZZY JEFF | COMMON | DUPLICI | D12 | & MANY MORE . . .

★NEW SCHOOL★

TRAVI$ SCOTT | JOEY BADA$$ | 2 CHAINZ | A$AP MOB | A$AP ROCKY | DRAKE | BIG SEAN | J. COLE | KENDRICK LAMAR | CHRIS BROWN | RUSS | NICKI MINAJ | JHENE AIKO | KIRK KNIGHT | WIZ KHALIFA | CHIEF KEEF | DANNY BROWN | DESIIGNER | HOPSIN | FRENCH MONTANA | FUTURE | YG | GUCCI MANE | DJ KHALED | MIGOS | YOUNG M.A | DEJ LOAF | JASON DERULO | YELAWOLF | BOBBY SHMURDA | DIZZY WRIGHT | YO GOTTI | MIKE WILL MADE IT | G HERBO | NGHTMRE | O.T. GENASIS | PARTY FAVOR | PARTYNEXTDOOR | POST MALONE | RAE SREMMURD | RICK ROSS | SAGE THE GEMINI | SCHOOLBOY Q | SOULJA BOY | TY DOLLA $IGN | TYGA | TYLER THE CREATOR | WAKA FLOCKA FLAME | YOUNG THUG | 6LACK | BRYSON TILLER | VINCE STAPLES | BAAUER | LIL YACHTY | 808 MAFIA | MACKLEMORE & RYAN LEWIS | ETC!ETC!ETC! . . .

——–Info e contatti——–
fb.me/candyshopevents/
Mobile/Whatsapp: 3421619863 – 3479326235 – 3887823821

 

julieshaircut

|FRI, 24 Mar|
Julie s Haircut

TOdays festival è lieto di presentare:

JULIE’S HAIRCUT

opening: MULBO’

VENERDI 24 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket €10 + d.p.

prevendite attive » http://toptix1.mioticket.it/spazio211

evento facebook: Julie’s Haircut in concerto a sPAZIO211 / Torino

░░░░░

“Per la musica che facciamo, in Italia siamo sempre stati considerati un corpo estraneo” affermano i Julie’s Haircut.

Con il loro sound, eccentrico, complesso e originale, fin dalla nascita della band alla fine del secolo scorso i Julie’s Haircut hanno sempre faticato, nel loro paese natale, a trovare artisti con cui condividere una certa attitudine alla sperimentazione.
Eppure, seguendo le proprie intuizioni, la band è riuscita, nel tempo, a sviluppare una sensibilità e un approccio emozionale nei confronti dell’innovazione e della ricerca musicale di cui “Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin”, il nuovo settimo album e prima uscita per la britannicaRocket Recordings, è uno splendido esempio.

Era il 2005 quando la band decise di assecondare un atteggiamento più sperimentale per la composizione, elaborando un approccio “alchemico” che si è rivelato fondamentale nell’architettura del loro sound. Un metodo compositivo basato sull’improvvisazione, capace di superare generi e riferimenti.
“In effetti non ‘scriviamo’ più canzoni, non nel senso abituale del termine”, spiegano. “È un processo più simile a quello che Teo Macero applicava alle registrazioni di Miles Davis: : improvvisare liberamente in studio per poi ‘scovare’ la canzone nelle registrazioni, rifinendola fino alla sua forma definitiva.
Anche i Can – il cui ex cantante Damo Suzuki è un caro amico della band e con cui hanno collaborato diverse volte – utilizzavano un metodo simile”.

Il risultato è un disco costruito su ripetizioni estatiche, saturo di esplosioni che collidono con paesaggi sonori ipnotici. Otto tracce piene di contrasti, in cui il fuoco abbagliante delle chitarre, del piano elettrico, dei fiati e dei sintetizzatori analogici si affianca a compostezze celesti e strutture glaciali.
Un disco fortemente segnato, anche nei testi, da una vena lisergica
e visionaria, accecante ed estatico, che pone la band in una
posizione del tutto unica nella scena rock contemporanea.

Coprodotto dalla band insieme a Bruno Germano e al team della Rocket Recordings, “Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin” è stato registrato in una formazione allargata che, a fianco di
Nicola Caleffi, Luca Giovanardi, Andrea Rovacchi, Andrea Scarfone e Ulisse Tramalloni, vede anche il contributo della nuova arrivata Laura Agnusdei ai sassofoni e, per la prima volta in sette anni, del membro fondatore Laura Storchi alla voce nella conclusiva “Koan”-

“Se c’è un senso nella musica psichedelica” affermano i Julie’s Haircut “è sempre stato quello dell’avventurarsi senza una rete di protezione”. Senza ombra di dubbio, se c’è una certezza nel perdersi nei ritmi e negli spazi di “Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin”, è che non viene fornita nessuna forma di sicurezza.

In attività dal 1994, I Julie’s Haircut sono un collettivo di cinque musicisti emiliani. Il loro album di debutto “Fever in the funk house” (Gamma Pop, 1999), uno strano mix di garage rock, psichedelia noise e melodie pop fu salutato dalla critica come uno dei migliori debutti indie-rock italiani ed è stato inserito dalla rivista Rumore nella lista dei 50 album italiani fondamentali degli anni ’90.
Il successivo “Stars never looked so bright” (Gamma Pop, 2001) mescolava questi elementi con un approccio più soul, rispecchiando l’amore per la black music degli anni ’60 maturato in seno alla band.
Nel 2003, dopo essere passati sotto l’egida della bolognese Homesleep Records I Julie’s Haircut hanno pubblicato il loro terzo album “Adult situations”, il primo a godere di una distribuzione internazionale. Qui melodia e psichedelia si compenetrano in maniera più personale.
Dal 2005 la musica dei Julie’s Haircut si è mossa verso territori più sperimentali, concentrandosi maggiormente sull’improvvisazione e la ricerca sonora, senza perdere contatto con il groove e la melodia che hanno caratterizzato la loro musica fin dal primo giorno.
Il frutto più immediato è “After dark, my sweet” (Homesleep, 2006), il quarto fortunato album della band, che vede la partecipazione dell’ex Spacemen 3 Sonic Boom, acclamato come uno dei migliori album dell’anno e inserito dalla rivista Il Mucchio nella top 20 degli album psichedelici italiani dagli anni ’80 in poi.
Nel 2006 fungono anche da “sound carriers” per alcune performance dell’ex cantante dei Can Damo Suzuki, entrando così a far parte del Damo Suzuki Network e consolidando una solida relazione con l’artista nippo-tedesco che continua ancora oggi.
Nel 2009 esce il quinto doppio album “Our Secret Ceremony” per l’etichetta A Silent Place.
Nel 2010 realizzano per la rassegna “Storie di Straordinaria Scrittura” lo spettacolo Transformed a Carpi, nel quale risuonano l’intero album Transformer di Lou Reed accompagnati da diversi ospiti vocali come Violante Placido, Angela Baraldi, Lilith, Giovanni Gulino, Alessandra Gismondi. Lo stesso anno partecipano con Peter Hook all’omaggio ai Joy Division Unknown Pleasures a Reggio Emilia.
Un nuovo singolo 10″, che include cover di The Tarot dalla colonna sonora de “La Montagna Sacra” di A. Jodorowsky e di O Venezia Venaga Venusia di Nino Rota dalla colonna sonora del “Casanova di Federico Fellini” viene pubblicato nel giugno 2011 sulla risorta etichetta Gamma Pop.
A giugno 2012 esce per Woodworm & Trovarobato un nuovo EP di 4 tracce inedite intitolato “The Wildlife Variations”.
Nel 2012 la band ha dato inizio a una collaborazione con il compositore contemporaneo americano Philip Corner, sfociata in una performance live a Reggio Emilia, in una session di registrazioni di musiche di Corner sotto la direzione del compositore e in una installazione sonora per la prestigiosa mostra “Women in Fluxus and other experimental tales”, tenutasi a Palazzo Magnani a Reggio Emilia.
A marzo 2013 Gamma Pop pubblica il singolo in 7″ split “Downtown Love Tragedies”, condiviso con gli amici di lunga data CUT, nel quale rivisitano il classico di Bill Withers Who is he and what is he to you.
In ottobre 2013 esce l’album “Ashram Equinox” per Woodworm / Audioglobe / Rough Trade.

A febbraio 2017, entrati nel roster della prestigiosa label inglese Rocket Recordings, pubblicano il nuovo album “Invocation and Ritual Dance of My Demon Twin”.

READ MORE:
www.facebook.com/julieshaircut
www.facebook.com/Todaysfestival
░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

joan

|SAT, 18 Mar|
Joan As Police..

TODAYS festival consiglia:

JOAN AS POLICE WOMAN & BENJAMIN LAZAR DAVIS

SABATO 18 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket €15+d.p.

prevendite attive » www.ticket24ore.it
Boxoffice Piemonteticket

evento facebook: Joan As A Police Woman in concerto a sPAZIO211 // Torino

░░░░░

LA STRAVAGANTE E TALENTUOSA MULTISTRUMENTISTA NEWYORKESE!

Negli anni ha collaborato con nomi illustri tra cui Elton John, Lou Reed, Nick Cave, Rufus Wainwright, Antony e Battiato.
Tra le migliori rappresentanti del songwriting al femminile,
dopo una decade di successi internazionali, Joan As Police Woman ha pubblicato a fine ottobre “LET IT BE YOU”, il nuovo album che vede la collaborazione di Benjamin Lazar Davis.

Joan As Police Woman celebra una decade di successi internazionali tra critica e pubblico con un nuovo lavoro in studio realizzato con il compare di Brooklyn Benjamin Lazar Davis.
Il nuovo album “Let It Be You” è uscito per Reveal Records il 21 Ottobre 2016, distribuzione Bertus.
È una vera collaborazione dallo studio al palco per questi due artisti ben conosciuti per la loro costante voglia e abilità di attraversare I vari generi musicali.

Piena di sentimenti profondi Joan, che ricordiamo nelle collaborazioni con Antony (Anohni), Rufus Wainwright, Lou Reed e David Sylvian, talentuoso e creativo Benjamin, polistrumentista che lavora attualmente anche con Okkervil River, Cuddle Magic e Bridget Kearney.
L’album è stato anticipato dal singolo “Broke Me In Two”, con un video che vede protagonisti non I soli Joan e Benjamin ma anche l’attore Fred Armisen, celebre per il suo ruolo al Saturday Night Live, Portlandia And Anchorman, The Legend Of Ron Burgundy e tanti altri.
Joan As Police Woman & Benjamin Lazar Davis saranno a Torino presentati da TOdays festival, accompagnati dalla full band, presenteranno le canzoni del nuovo album e riattraverseranno la carriera della sola Joan con estratti dai suoi amatissimi album solisti “Real Life”, “To Survive”, “The Deep Field” e The Classic”.

Joan e Ben sono sono incontrati dopo due viaggi che fecero separatamente in Africa; Ethiopia per Joan (come parte del Damon Albarn’s Africa Express) e West Africa per Ben che si trovava là per studiarne la musica tradizionale.
Inizialmente vincolati ai suoni dei pigmei i due sono finiti a scrivere un intero album insieme vagamente ispirati dai suoni che avevano incontrato in quei viaggi come si intuisce dal sound di “Broke Me In Two” con la sua linea di chitarra in “staccato bit-crushed” che la accompagna dall’inizio alla fine. Ma in fin dei conti è canzone pop gioiosa ed intrisa d’amore.

“Soulful adventurism – a voice so wonderous and moving it makes everyone else’s seem ordinary and mundane”. The Guardian
“Ravishing and lovelorn” MOJO
“The coolest woman in” The New York Times
“Joyously cathartic as well as musically stunning” Uncut Magazine

READ MORE:
www.facebook.com/joanaspolicewoman
www.facebook.com/Todaysfestival
░░░░░
infoline: +39 349.3172164
info@todaysfestival.com

cherubs

|FRI, 17 Mar|
Cherubs

CHERUBS + CANI SCIORRI + ELM

VENERDI 17 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 21:29
ticket €7

prevendite ATTIVE: https://goo.gl/r7vRWU

event: Cherubs (Tx), Cani Sciorrì, ELM in concerto a sPAZIO211 / Torino

░░░░░

Cherubs (Austin, TX)

I Cherubs sono una noise rock band di Austin, Texas che si è formata nel 1991. La loro line-up consiste nel chitarrista/cantante Kevin Whitley, il bassista Owen McMahon e il batterista Brent Prager. Durante la loro carriera hanno pubblicato due album e una compilation piena zeppa di outtakes e singoli. I Cherubs si sono da subito contraddistinti per un sound rabbioso e molto feroce, rhythm & song-writing da incubo per certi versi paragonabili più ad un martello pneumatico che a nient’altro visto in precedenza. 20 anni dopo la band si è riformata mantenendo la stessa energia del passato ma con songwriting molto piu ampio , maturo e complesso. All’inizio del 2015 la band ha finalmente pubblicato il loro terzo album in studio: “2 Ynfynyty” via Brutal Panda records. Il disco ha difatti da subito dimostrato di potersela giocare a pieno con il mostro sacro “Heroin Man”, il loro album piu celebre nonchè piu osannato dal pubblico.

https://www.facebook.com/CherubsTX

 

Cani Sciorrì

Nascono nel 2003 in quel della campagna cuneese. Portano il loro rock’n'roll molestato e violentato dall’hardcore su molti palchi della penisola, ed escono con il loro primo demo “Flat” nel 2004. Dopo un mini tour invernale nel nord Italia registrano “Cani Sciorri – Parte V -” co-prodotto con San Martin Records e El Paso Autoproduzioni che esce nel febbraio 2006. Dopo moltissime date nei vari centri sociali italiani e club (El Paso, Leoncavallo, C.S.Pedro, Atlantide, Spazio 211, Nuvolari Libera Tribù…) tornano in studio nel settembre 2006 per registrare il nuovo disco “Cani Sciorri – parte IV” presso il Red House Recordings a Senigallia dal “maestro” David Lenci(Gang, Linea77, One Dimensional Man, Uzeda, Three Second Kiss) il disco esce nel 2009 per Escape From Today, Il Complotto Autoproduzioni e Canalese Noise Records in 500 copie su vinile rosso sangue. Nel 2012 esce “Cani sciorri – Parte III” registrato al Cinema Vekkio di Cornegliano d’Alba da Francesco “Frankie” Groppo e stampato su LP 12” + CD allegato in 500 copie per Escape From Today, Sonatine Produzioni, Smartz Records, Tanto di Cappello Records, El Paso Distribuzioni, Brigadisco Records, Wherever Recording. Un cambio di bassista costringe i Cani a rallentare sui nuovi lavori, ma ora con il maestro Marco “Giacco” Giaccardi i cani sciorri tornano più che mai a suonare e a violentare i timpani di chi ascolta e dopo qualche anno di attesa e di palchi solcati, partoriscono nella primavera del 2016 il nuovo album “Parte II”, che da subito ha riscontrato ritorni positivi da pubblico e critica  Durante gli anni hanno il condiviso il palco con: One Dimensional Man, Linea77, Ministri, ISIS, Hawks, Jon Spencer Blues Explosion, Yuppie Flu, Acao Direta, The Queers, Ormonauts, Comity, Kerysun e molti altri…

https://www.facebook.com/Canisciorri2001

 

ELM

Tutte le province sono ostinatamente uguali tra loro: solitudine, disagio, rabbia. Da uno squallido angolo remoto del nord, gli ELM le raccontano, prendendo a prestito storie e linguaggi della provincia per antonomasia, la Bible Belt Americana, terra di predicatori paranoici e moralismo abietto, culla di irredimibili perdenti e alienazione. Nessun giudizio, nessuna denuncia per quegli oscuri recessi della società che pochi hanno voglia di raccontare. Solo e semplicemente storie. Storie in cui i reietti fanno tutti la stessa fine. Storie raccontate da quattro rispettabili membri della comunità, noiosamente conformi all’onesta e tranquilla vita di provincia. Irreprensibili lavoratori dagli immacolati colletti bianchi, sempre in bilico sull’orlo della loro doppia vita, che scivola, sottile quanto irresistibile, oltre il labile confine che separa la lucidità dalla più sordida follia.Tra Jim Thompson e Marc Augè, come due facce della stessa medaglia. Gli Elm vi danno il benvenuto nella ridente provincia italiana.

https://www.facebook.com/elmcult

La Cantina sPAZIALE

|THU, 16 May|
Brodo

sPAZIO211 e Radio Ohm presentano:

La Cantina sPAZIALE #BRODO

GIOVEDI 16 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino

ore 20.00 intervista e live acustico
streaming audio www.radioohm.it

INGRESSO GRATUITO

Evento Facebook: La Cantina sPAZIALE # BRODO

░░░░░

● ● ● La Cantina sPAZIALE● ● ●

La Cantina – RadioOhm e sPAZIO211 danno vita ad un nuovo format live radiofonico. Ogni due giovedì una band emergente si esibirà sul palco dello storico locale di via Cigna 211 con un set acustico intervallato dall’intervista condotta da Marcelito Cantinero e Simone Barisione. In regia Fabiano Giacone

● ● ● Brodo● ● ●

Brodo nasce come nome scherzoso per indicare un’attività altrettanto scherzosa, quindi fatta in maniera davvero seria ed appassionata: scrivere canzoni. Queste canzoni parlano di cose ma non vogliono dire niente. O almeno non era loro intenzione. Queste canzoni partono dal dolore ed arrivano al piacere. O viceversa. Alla fine sono canzoni pop, ma solo perché sono nate così per necessità, non per scopo. Ad ogni modo è un pop pochissimo patinato sia per temi che per suoni, un pop che oscilla fra l’essere indigesto ed il provocare dipendenza.

Pezzi pt. 1 e Pezzi pt. 2 sono autoproduzioni e sono scaricabili gratuitamente, tranne due canzoni, le migliori degli ep.

Se vuoi sostenermi, l’unico modo è usare due click delle tue dita e condividere una canzone sul tuo profilo su un social network.

Se ne condividi una di Pezzi pt. 1, mandami lo screeshot del post come prova e ti manderò una canzone inedita in esclusiva il cui titolo inizia per E. Stessa cosa per Pezzi pt. 2 e ti manderò una canzone il cui titolo inizia per I.

https://brodo.bandcamp.com/

https://soundcloud.com/brodobrodobrodo

https://www.youtube.com/channel/UC4pMKFOTCpG7E0wYd3FIVYA

● ● ● info ● ● ●

✉ lacantina@radioohm.it
☏ (+39) 340.665.46.44

spazio211dance

|TUE, 14 Mar|
sPAZIO211 dance

Facce di DaDI presenta:

sPAZIOdance

MARTEDI 14 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino
apertura porte ore 16:00 | Ingresso: 3 €

░░░░░

Qui c’è sPAZIO per… il divertimento!

sPAZIO211dance è un appuntamento in discoteca a cadenza quindicinale il martedì nella fascia oraria pomeridiana dalle 16.30 alle 19.00.
E’ rivolto principalmente a soggetti disabili e alle loro famiglie, a educatori, affidatari e, più in generale, a tutta la cittadinanza.

L’attività prevede il seguente svolgimento:

Accoglienza dalle ore 16.30
Diamo il benvenuto ai partecipanti accogliendoli nel locale e proponendo come sottofondo musica soft che permetta la socializzazione tra i partecipanti e crei il clima emotivo adatto all’ambiente.

sPAZIO211dance (prima parte) dalle ore 17.00
Aumenta il ritmo e la velocità della musica, comincia la Festa. I partecipanti, coinvolti dalla discomusic, potranno dare libero sfo- go a tutta la loro espressività attraverso la danza.

sPAZIO dediche ed esibizioni dalle 17.30 alle 18.00
Durante l’attività vi sarà uno spazio appositamente dedicato alle esibizioni canore e di ballo, alle richieste e alle dediche musicali.

sPAZIO211dance (seconda parte) dalle ore 18.00
Si riparte con la discomusic fino alle 18.45.

Dalle ore 18.45 alle 19.00
La musica diminuisce d’intensità e volume permettendo ai partecipanti di lasciare il luogo della festa dedicandosi ai saluti in un clima rilassato.

All’interno della struttura verrà servita, in uno spazio appositamente adibito, una bibita a scelta e una merenda consegnando il biglietto dato all’ingresso al costo di 3 euro.
 L’accoglienza, cassa e guardaroba, e il bar saranno gestiti da utenti disabili affiancati da figure educative, affidatari, familiari che collaboreranno attivamente alla riuscita dell’evento.

sPAZIO211dance è anche uno “spazio” di conoscenza e confronto per gli operatori del settore e un luogo in cui potersi scambiare informazioni, fare rete creando nuove modalità di stare insieme.

sPAZIO211dance inaugura MARTEDI’ 14 MARZO 2017 a partire dalle 16.30 e fino alle 19.00 presso sPAZIO211 in Via Cigna 211 a Torino.

Potete seguirci attraverso le nostre pagine Facebook:
Facce di DaDi https://www.facebook.com/faccedidadi/?fref=ts

info@todaysfestival.com

concertino

|SUN, 12 Mar|
Mao

Concertini per piccolini e sPAZIO211 sono felici di presentare:

Mao in Concertino di Carnevale

DOMENICA 12 MARZO 2017

sPAZIO211 via Cigna 211, Torino

ore 16:15 Accoglienza e Truccabimbi
ore 16:30 Riscaldamento musicale
ore 16:45 Inizio Concertino di Carnevale con Mao
ore 17:30 Merenda per i bambini

ingresso 5€
free 0-3 anni

Evento Facebook: Mao in Concertino di Carnevale

░░░░░

● ● ● Concertini per piccolini ● ● ●

Rendere la musica live un momento adatto alle famiglie con bambini (0-8 anni) trasformando i più piccoli in una parte attiva del concerto: è questo l’obiettivo di Concertini (per) piccolini, il nuovo progetto dI RadioOhm.

Volumi troppo alti e inizio a tarda ora rendono i concerti inadatti alle famiglie. Anche i genitori più coraggiosi si trovano spesso a rinunciare dopo pochi brani, perché la noia colpisce spesso i più piccoli di fronte a uno spettacolo con cui non possono interagire. Concertini per piccolini è invece uno spazio dedicato ai bambini e ai genitori, in cui vivere la dimensione della musica live nel suo aspetto sociale, aggregativo e ludico.

Concertini per piccolini è un’occasione per incontrare artisti professionisti che adattano il loro repertorio musicale per il pubblico esigente e colorato dei bambini. Attraverso parole semplici raccontano la propria musica, la sua forma estetica, comunicativa, emotiva e sociale dal punto di vista di chi ne ha fatto un hobby, una passione o, addirittura, un lavoro. Un’esperienza di incontro e scambio in cui piccoli e grandi possono gustare insieme l’atmosfera di un concerto di musica live, non solo come semplici ascoltatori ma come parte attiva dello spettacolo.

Ogni live inizia con la sperimentazione sonora guidata dagli educatori diRadioOhm in cui i bambini sono accompagnati nella creazione di una piccola orchestra. I bimbi utilizzano e giocano con piccoli strumenti musicali percussivi di legno realizzati ad hoc per questo progetto. Una volta che l’orchestra prende forma inizia il vero e proprio concerto interpretato dalla band che avrà così il piacere di essere accompagnata da una sezione ritmica di piccolini. Il concertino si conclude con la merenda che per i bambini.

● ● ● Mao ● ● ●

Mao, altrimenti detto Mauro Gurlino, nasce a Torino, come gli piace dire, a nord di Foggia e a sud di Aosta, dove attualmente vive, il 16 aprile 1971. Laureato in Storia e Critica del Cinema presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino con una tesi sul musical “Yuppi Du” di Adriano Celentano.

Mao “è ed è stato tutto”, come un giorno è stato definito da un giornalista per descrivere la sua poliedrica carriera trentennale. Leader negli anni novanta del gruppo Maoelarivoluzione con cui pubblica due dischi per la Virgin (“Sale” e “Casa”, arrivando a partecipare a Sanremo Giovani con “Romantico” ed aprire per gli Oasis), conduttore insieme ad Andrea Pezzi di programmi televisivi trasmessi su MTV (“Kitchen”, “Hot”, “Romalive”, “Tiziana”, “Tokusho”), speaker radiofonico fin dai tempi del liceo (Radio Deejay, Radio Flash e Gru Radio), attore sia in lungometraggi (“20 Venti” di Marco Pozzi, “500!” di Giovanni Robbiano, Lorenzo Vignolo e Matteo Zingirian, “Perduto Amor” di Franco Battiato, “A/R Andata+Ritorno” e “Passione sinistra” di Marco Ponti, “I solidi idioti” di Enrico Lando) che in cortometraggi (per la regia di Enrico Iacovoni, Nicola Rondolino, Igor Mendolia e Guido Norzi).

Collabora negli anni con diversi musicisti, tra cui Delta V, Max Gazzè e Morgan, produttore artistico del suo primo disco solista “Black Mokette” pubblicato dalla Sony Music. Insieme ai Santabarba, è alla guida della resident band della trasmissione televisiva su RaiDue “Scalo 76”. Sempre in RAI, è al fianco di Simona Ventura nel programma radiofonico “Ventura Football Club” in onda su RaiRadio1.

Da quindici anni, è agitatore, insieme alla crew CortoCorto, del nightclubbing torinese con le sonorizzazioni di “Duel \ Soundtrack Contest”, i contest cantautoriali di “LaBase \ Song Contest” ed il talk-show “Il Salotto di Mao”, format con cui ha ospitato nel corso degli anni più di cinquecento artisti. Per dieci anni ha fatto parte de Le Voci del Tempo, una compagnia che racconta la storia italiana in club, piazze, rassegne e teatri con spettacoli fatti di canzoni, immagini e parole.

Negli ultimi anni, pubblica il suo secondo disco solista “Piume pazze”, distribuito gratuitamente su internet, e due romanzi musicali, “Meglio tardi che Mao” (Express Edizioni) e “Olràit! Mao sogna Celentano e gliele canta” (Arcana Edizioni), oltre ad avere in cantiere il disco di debutto del progetto di sperimentazione elettronica Bit Reduce (www.bitreduce.it). Gestisce il CortoCorto STUDIO, studio di produzioni e registrazioni indie situato nel cuore del quartiere San Salvario di Torino.

www.inartemao.it

● ● ● info ● ● ●

✉ attivita@radioohm.it
☏ (+39) 340.665.46.44

Si ringrazia Silvia Nuvola per la grafica!